Props e non Pops

Di cosa stiamo parlando? Lo sapete che i pops sono dolcetti, vero? Ma i PROPS, allora cosa sono?

I nostri vicini d’oltreoceano ci insegnano che sullo stecco si possono trovare una infinità di leccornie come Lolly Pops, Cake Pops, e Ice Pops, ma allora i PROPS?

Noh, non sono anch’essi dolcetti americani ma la parola è di origine inglese e indica i materiali di scena ovvero tutto l’occorrente che serve per ambientare, in questo caso, la fotografia di cibo.

Ne sono un’accumulatrice lo ammetto, fin dai tempi non sospetti, mi piacciono gli oggetti e li conservo per la loro forma e il loro stato; cucchiaini, piattini, coltelli, forbici, tazzine, piattini, pentoline, piccoli pezzi di stoffa, tovaglie, cestini, scatoline, barattoli, taglieri, teglie … insomma i props sono tutto quello che occorre per allestire il set prima di scattare la fotografia.

Ma non solo, i props sono composti anche da pannelli, piani di marmo, tavolacce di legno che fungono da sfondo e permettono di ambientare il piatto definendone lo stile e l’epoca.

Chi fa il lavoro di allestimento? Mentre il fotografo sistema lo schema di luce e monta la giusta ottica sulla macchina fotografica, il/la food stylist, si occupa di “apparecchiare” il set. Poi in altri contesti c’è lo chef che prepara i piatti, qui a casa FoodPhotoinBo, Antonella svolge entrambi i ruoli mentre Claudio si occupa di luci, fotografia e postproduzione.

E’ un vero e proprio lavoro quello di accumulare oggetti diversi e di diverse epoche e di fare lo styiling anche se molti, i non addetti ai lavori, ignorano tutto ciò.

Ma come scegliere un props? Sembrerebbe la cosa più facile di questo mondo, ma vi assicuro che ci vuole tanta esperienza, tanto occhio e tanto gusto estetico.

Ma per essere più concreti posso dire di partire con l’analizzare la rivista, il fotografo che più vi piace da cui poter trarre ispirazione, si parte sempre così dall’imitazione per poi creare uno stile proprio e l’osservazione è all’inizio molto importante.

Un’ altra considerazione nella scelta del props giusto è che questa è dettata anche dal piatto che si andrà a fotografare, una zuppa di ceci mi porterà a scegliere dei materiali naturali per ricreare uno stile rustico, di campagna.

Se invece voglio simulare un set moderno allora si sceglieranno, piatti e stoviglie nuove che vanno per la maggiore in quel momento.

Se invece si vuole dare uno stile retrò, allora i props si andranno a cercare a casa della nonna, nei mercatini di antiquariato o quando si va in viaggio nel nord Europa dove si trovano dei bellissimi oggetti sulle bancarelle dei mercatini, beh quelli sono la mia passione!

Ci sono in ultimo gli elementi naturali da poter collezionare per rendere la foto più realistica e autentica, mi sono spinta fino dentro un pollaio per accaparrarmi qualche piuma di gallina, ebbene sì, bisogna essere pronti a tutto!

[articolo di Antonella]

Share
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *